Anche Zenit SGR tra i protagonisti della transizione ecologica!

Attraverso la sottoscrizione di parte del prestito obbligazionario quotato emesso da EPICO (Energy Production Industry Company S.r.l., holding di partecipazioni industriali a capo di un gruppo che investe in impianti per la produzione dienergia rinnovabile da fonte idrica e solare), Zenit SGR finanzia lo sviluppo del settore dell’energia pulita in Italia.

I titoli sono stati ammessi alla negoziazione sul segmento professionale ExtraMOT PRO3 del Mercato ExtraMOT, gestito da Borsa Italiana S.p.A., e le risorse raccolte saranno destinate alla messa in esercizio di 100MW di nuovi impianti fotovoltaici ed idroelettrici, con l’obiettivo di raggiungere una produzione complessiva di energia da fonti rinnovabili di oltre 260 GWh/anno.

Il gruppo industriale EPICO, avviato nel 1999 da Flavio e Valerio Andreoli Bonazzi, conta ad oggi oltre 50 centrali di produzione di energia elettrica di proprietà, qualificandosi come uno dei player di riferimento del suo comparto.

L’operazione, il cui ammontare nominale complessivo è pari a €6,25 milioni, è assistita dalla garanzia emessa da SACE S.p.A., ha scadenza al 31 dicembre 2026, tasso fisso pari al 4,5% e rimborso amortizing a partire dal secondo anno.

Oltre che dal fondo Zenit Progetto Italia 4.0 gestito in delega da Zenit SGR, le obbligazioni sono state sottoscritte da Banca Sella, Banca Valsabbina e Mediocredito Trentino-Alto Adige.

ADB Corporate Advisory (advisor finanziario), RP Legal & Tax (deal legal counsel), Securitisation Services S.p.A. del Gruppo Finint (Issuing Agent) e Banca Finint (Paying Agent) sono gli altri artefici dell’emissione.

In regalo per te BONUS 10 EURO. Dal 15 dicembre 2022 al 9 gennaio 2023 investi in uno dei fondi comuni di investimento di Zenit SGR: subito per te un bonus* di 10 euro in quote del prodotto che hai sottoscritto! Scopri ora tutte le proposte di Zenit SGR! *Il bonus viene riconosciuto:
- in quote del fondo al termine del periodo della promozione
- una sola volta, indipendentemente dal fondo, dal numero e dall’importo dei conferimenti
- anche sui bonifici permanenti.

Prima dell’adesione leggere la documentazione di offerta e il documento per gli investitori (KIID).
I rendimenti passati non sono garanzia di quelli futuri.
Il presente messaggio non costituisce sollecitazione all’investimento.