FONDI COMUNI
DI INVESTIMENTO,
A CIASCUNO IL SUO.

Obbligazionari (Zenit Breve Termine e Zenit Obbligazionario), flessibili (Pensaci Oggi) e azionari (Zenit Megatrend e Zenit Pianeta Italia): la nostra gamma di fondi comuni risponde ad ogni obiettivo di investimento.

Uomo scala
Virgolette

CON  Zenit Online
puoi sottoscrivere in modalità fai da te l’intera gamma di fondi Zenit, compresi Zero Tax PIR e Pensaci Oggi.

• PIU’ SEMPLICE
• PIU’ RAPIDO
• PIU’ CONVENIENTE

Bottone azzurro
PIR sottoscrivibile online

Zenit
Obbligazionario

  • Fondo obbligazionario misto
  • Rispetta la normativa sui Piani Individuali di Risparmio

LA SICUREZZA DI UNA CRESCITA NEL TEMPO

SCOPRI DI PIU' Bottone azzurro

ZENIT OBBLIGAZIONARIO

ZENIT OBBLIGAZIONARIO investe principalmente in obbligazioni emesse da aziende italiane, con un occhio di riguardo alle Piccole e Medie Imprese, contribuendo a finanziare il cuore del tessuto produttivo e la crescita economica del Paese.

Il portafoglio presenta inoltre una significativa diversificazione realizzata tramite una accurata selezione di obbligazioni europee e internazionali, a cui si aggiunge una piccola quota di azioni per incrementare il rendimento complessivo.

La politica di investimento è conforme alla normativa sui Piani Individuali di Risparmio (PIR).

Per l’investitore che predilige le obbligazioni ma che, nell’attuale contesto di tassi a zero se non negativi, vuole perseguire un rendimento moderato ma significativo nel medio termine, accettando modeste oscillazioni nel valore del patrimonio nel breve.

Scheda Obbligazionario – Classe I

Scheda Obbligazionario – Classe R

Scheda Obbligazionario – Classe E

Scheda Obbligazionario – Classe W

Categoria Assogestioni:
Obbligazionario Misto

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 2% e il 5%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di Rischio*

* Il fondo non ha un benchmark di riferimento.

**Fideuram Obbligazionario Misto.

Classe I – Dati aggiornati al 03-06-2022
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Valentino Gori

Responsabile Bond e Valute

Valentino Gori

La fase estiva nella zona Euro si è caratterizzata per il ritorno del tasso base sui depositi a valori non più negativi, e per l’attenzione dei singoli banchieri centrali su politiche di contenimento dell’inflazione. L’obiettivo dichiarato recentemente dal capo economista della BCE è la ricerca di rendimenti reali positivi sulla parte a breve della curva e l’appiattimento delle curve dei tassi nominali su livelli superiori alla neutralità.

Leggi tutto

Il mercato per le obbligazioni rimane sfidante per il gap fra i tassi di base delle principali Banche Centrali dei Paesi del G10 e le aspettative del mercato, in un contesto di forti tensioni sui prezzi dell’energia. La parziale reattività delle banche centrali nel rispondere al rialzo delle aspettative di inflazione sta creando spazio per speculazioni su errori di politica monetaria, generando ulteriori pressioni ribassiste.

Sul mercato italiano, settembre si presenta come un periodo di non facile lettura anche per l’incertezza per le imminenti elezioni politiche. Verrà monitorato con attenzione lo scenario, soprattutto per eventuali tensioni temporanee sugli spread di tasso e di credito e usando la liquidità disponibile per sfruttare le opportunità che si andranno a creare.

Zenit Obbligazionario, come fondo PIR, va a finanziare la struttura del capitale delle aziende, mantenendo tradizionalmente un focus sulle mid/small cap ad alto potenziale di crescita. L’idea di base della politica di gestione resta il possibile contenimento degli spread fra credito e tasso, a causa delle politiche monetarie e fiscali nella UE che dovrebbero favorire l’Italia, anche al netto di cambi marginali delle politiche macroeconomiche del nuovo esecutivo. La fine del corrente anno e il 2023 si preannunciano promettenti per l’asset class con attese di un rally sostenuto di mercato in un contesto di stabilizzazione dei tassi e degli spread.

PIR sottoscrivibile online

Zenit
Pianeta Italia

  • Fondo azionario Italia
  • Rispetta la normativa sui Piani Individuali di Risparmio

LE ECCELLENZE PIU’ PROMETTENTI
DEL NOSTRO PAESE

SCOPRI DI PIU' Bottone azzurro

ZENIT PIANETA ITALIA

ZENIT PIANETA ITALIA specializzato nell’investimento nel capitale di aziende italiane con una forte preferenza per le società a piccola e media capitalizzazione, le vere eccellenze produttive del Paese.

La politica di investimento è conforme alla normativa sui Piani Individuali di Risparmio (PIR).

Investendo in Zenit Pianeta Italia si contribuisce a rafforzare il capitale delle nostre migliori aziende per renderle più forti e competitive.

Ideale per l’investitore che crede nelle capacità imprenditoriali italiane e che ricerca un rendimento atteso molto significativo nel lungo termine, accettando le temporanee oscillazioni di valore caratteristiche del mercato azionario italiano.

Scheda Pianeta Italia – Classe I

Scheda Pianeta Italia – Classe R

Scheda Pianeta Italia – Classe E

Scheda Pianeta Italia – Classe W

Categoria Assogestioni:
Azionario Italia

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 15% e il 25%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di Rischio*

* Il fondo non ha un benchmark di riferimento.

**Fideuram Azionario Italia

Classe I – Dati aggiornati al 03-06-2022
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri
Marco Rosati
Giulio Zaccagnini

Gestori del Fondo

Marco Rosati e Giulio Zaccagnini

Durante il mese di agosto i mercati azionari italiani hanno subito pesanti ribassi.

I principali contributori positivi, nonostante il contesto negativo, sono stati Avio, azienda di lanciatori spaziali, seguita dai titoli Prima Industrie, Unicredit e Atlantia.

Settorialmente, contributi quasi tutti negativi con la eccezione del settore “energy” ed immobiliare.

Leggi tutto

Pensaci Oggi

  • Fondo flessibile

L’INNOVAZIONE AL SERVIZIO
DEL TUO FUTURO

SCOPRI DI PIU' Bottone azzurro

PENSACI OGGI

PENSACI OGGI fondo flessibile che investe in azioni ed obbligazioni a livello globale, sia direttamente in singoli titoli, sia indirettamente tramite una accurata selezione di OICR (fondi, sicav  ed ETF) specializzati.

Ampissima diversificazione del portafoglio che privilegia i settori più innovativi ed i grandi megatrend del futuro che sono alla base dei cambiamenti destinati a trasformare il mondo e la nostra vita quotidiana nei prossimi decenni

La soluzione per l’investitore che mira ad  accumulare nel tempo, anche con versamenti molto contenuti, un patrimonio gestito in modo dinamico con una giusta e flessibile ripartizione del portafoglio tra titoli obbligazionari ed azionari, in una ottica di medio – lungo periodo.

Scheda Pensaci Oggi – Classe I

Scheda Pensaci Oggi – Classe R

Scheda Pensaci Oggi – Classe PIC6

Categoria Assogestioni:
Flessibile

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 10% e il 15%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di Rischio*

* Il fondo non ha un benchmark di riferimento.

**Indice Fideuram Fondi Flessibili

Classe I – Dati aggiornati al 03-06-2022
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Zaccagnini

Gestore del Fondo

Giulio Zaccagnini

Il mese di agosto ha registrato ribassi tra i principali indici azionari internazionali, con eccezione degli indici azionari giapponesi.

I fondi direzionali, flessibili e obbligazionari hanno subito la negatività dei mercati.

Leggi tutto

Sui singoli titoli europei e statunitensi, complice la negatività degli indici, non si sono registrate chiusure al rialzo. Allo stesso tempo si è approfittato del ribasso dell’indice tedesco DAX per entrare su Basf, Siemens e Deutsche Post.

Tra gli ETF tematici, hanno reagito in parte positivamente quelli investiti su invecchiamento della popolazione, energie rinnovabili e cybersecurity, quest’ultima in rialzo.

Sul fronte valutario il fondo ha potuto beneficiare del leggero apprezzamento del dollaro statunitense.

Sul fronte obbligazionario il fondo ha beneficiato di un posizionamento piuttosto difensivo limitando le perdite nel settore degli emittenti societari.

Zenit
Megatrend

  • Fondo azionario internazionale

I GRANDI OBIETTIVI NON HANNO CONFINI

SCOPRI DI PIU' Bottone azzurro

ZENIT MEGATREND

ZENIT MEGATREND  investe nei principali mercati azionari internazionali, sia direttamente nelle singole aziende, sia indirettamente tramite una accurata selezione di OICR (fondi, sicav  ed ETF) specializzati.

La gestione segue le principali variabili macroeconomiche e dei mercati globali, focalizzandosi sui più rilevanti trend di lungo periodo, quali ad esempio le energie rinnovabili, la sicurezza digitale, l’invecchiamento della popolazione, le economie in forte crescita.

La grandissima diversificazione del portafoglio tra mercati, aree geografiche, settori e valute consente di contenere le oscillazioni del valore del patrimonio rispetto alla dinamica dei mercati azionari.

Per chi vuole cogliere le opportunità di crescita offerte dai settori più promettenti e dai megatrend che caratterizzano le diverse fasi dell’economia globale.

Scheda Megatrend – Classe I

Scheda Megatrend – Classe R

Categoria Assogestioni:
Azionario Internazionale

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 15% e il 25%..

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di Rischio*

* Il fondo non ha un benchmark di riferimento.

**Fideuram Azionario Internazionale.

Classe I – Dati aggiornati al 03-06-2022
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Zaccagnini

Gestore del Fondo

Giulio Zaccagnini

Il mese di agosto ha registrato ribassi tra i principali indici azionari internazionali con eccezione degli indici azionari giapponesi.

I fondi direzionali hanno subito la stessa sorte dei principali indici azionari.

Leggi tutto

Nella componente di portafoglio investita in singoli titoli europei, complice la negatività degli indici, non si sono registrate chiusure al rialzo. Sono state colte opportunità di presa di profitto sull’azione settore lusso.

Allo stesso tempo si è approfittato del ribasso dell’indice tedesco DAX per entrare su Basf, Siemens e Deutsche Post.

Negli USA, rialzi su Meta (ex Facebook) e sull’azienda produttrice di Neodimio, MP Materials.

Infine sul Giappone, contributi positivi dalla società produttrice di pneumatici Yokohama Rubber e nel comparto semiconduttori con Rohm e Disco.

Per il gruppo degli ETF, reazione in parte positiva rispetto ai listini in discesa sui temi dell’invecchiamento della popolazione, delle energie rinnovabili e della cybersecurity, quest’ultima in rialzo.

Sul fronte valutario il fondo ha beneficiato dell’apprezzamento del dollaro statunitense.

Zenit
Breve Termine

  • Fondo obbligazionario governativo breve termine

SOLIDO COME UN CONTO,
BRILLANTE COME UN FONDO

SCOPRI DI PIU' Bottone azzurro

ZENIT BREVE TERMINE

ZENIT BREVE TERMINE investe dinamicamente in titoli obbligazionari a breve scadenza prevalentemente dell’area Euro.

Il portafoglio è diversificato tra  obbligazioni societarie e governative con vita residua media inferiore a due anni.

Una efficiente alternativa al conto corrente e ai titoli di stato per l’investitore alla ricerca di un congruo rendimento con ridotte oscillazioni del valore del capitale nel tempo.

Scheda Breve Termine – Classe I

Scheda Breve Termine – Classe R

Categoria Assogestioni:
Obbligazionario Euro Governativo Breve Termine

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 0,5% e il 2%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di Rischio*

* Il fondo non ha un benchmark di riferimento.

**Fideuram Obbligazionario Governativo Breve Termine.

Classe I – Dati aggiornati al 03-06-2022
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.
Valentino Gori

Responsabile Bond e Valute

Valentino Gori

Il periodo estivo ha mostrato il rialzo dei tassi base da parte delle Banche Centrali come azione per contenere l’inflazione: l’obiettivo dichiarato è attualmente la ricerca di rendimenti reali positivi sulle scadenze brevi e l’appiattimento delle curve dei tassi nominali sopra i livelli di neutralità.

Leggi tutto

Negli Stati Uniti, la Federal Reserve raggiungerà entrambi gli obiettivi a settembre portando il tasso base almeno al 3%. In Eurozona, la BCE è ancora distante dal raggiungimento di un tasso base che irrigidisca le condizioni finanziarie e combatta l’inflazione, anche perché condizionata dalla necessità di combattere la frammentazione monetaria derivante dall’alta eterogeneità delle economie degli Stati Membri dell’Unione. Il mercato per le obbligazioni rimane sfidante per la presenza di gap fra i tassi di base delle principali Banche Centrali del G10 e le aspettative del mercato in uno scenario scosso dalle forti tensioni sul costo dell’energia. La parziale reattività nel rispondere al rialzo delle aspettative di inflazione sta fornendo ampio spazio alle speculazioni su errori di politica monetaria, generando ulteriori pressioni ribassiste sul mercato.

Zenit Breve Termine resta coerente alla sua strategia di base fondata sul carry trade attraverso singole emissioni che remunerino adeguatamente i rischi credito e, in misura ancillare, con selettive posizioni in valuta. Nel corso dell’autunno si andrà a migliorare l’efficienza del portafoglio per sfruttare nei trimestri a venire l’auspicabile miglioramento dei fondamentali nel mercato del reddito fisso: quest’ultimo sta tornando a remunerare il rischio duration, con le emissioni corporate senior sub investment grade in euro che prezzano rendimenti che incorporano 50% di tassi swap e 50% di rischio credito: si pensa che tale riprezzamento possa essere la base per un rally sostenuto dell’asset class quando si attenueranno le tensioni dal lato dell’offerta per la guerra in Ucraina a fine 2022.

DOVE
SIAMO

Tutti i fondi sono disponibili presso i nostri partners e presso la sede in modalità CLASSICA (classi R ,E) o in modalità FAI DA TE (classi W, Pic6 ,I).

Le classi I, W (PIR) e Pic6 sono disponibili ON LINE

I NOSTRI PARTNER

Cassa di Risparmio Ravenna
Banco di Imola
Banco di Lucca
BCC Cambiano
Banca di Cherasco
Banca di Caraglio