FONDI COMUNI
DI INVESTIMENTO,
A CIASCUNO IL SUO.

Obbligazionari (Zenit Breve Termine e Zenit Obbligazionario), flessibili (Pensaci Oggi) e azionari (Zenit Megatrend e Zenit Pianeta Italia): la nostra gamma di fondi comuni di investimento risponde ad ogni richiesta di impiego del risparmio.

Uomo scala
Virgolette

CON  Zenit Online
puoi sottoscrivere Zero Tax PIR e Pensaci Oggi in modalità fai da te:

• PIU’ SEMPLICE
• PIU’ RAPIDO
• PIU’ CONVENIENTE

Bottone azzurro
PIR sottoscrivibile online

Zenit
Obbligazionario

  • Fondo obbligazionario
  • Rispetta la normativa sui Piani Individuali di Risparmio

LA SICUREZZA DI CHI
HA VOGLIA DI CRESCERE

SCOPRI DI PIU' Bottone azzurro

ZENIT OBBLIGAZIONARIO

Il fondo ZENIT OBBLIGAZIONARIO investe principalmente in titoli corporate ed utilizza i mercati azionari come ulteriore fonte di rendimento per un massimo del 20%. Il fondo supporta il tessuto economico italiano investendo almeno il 70% nelle aziende domestiche, con particolare attenzione alle PMI. In portafoglio trovano spazio, in misura minore, anche obbligazioni europee e/o titoli internazionali, nelle loro valute di riferimento per assicurare un effetto diversificazione. Il fondo dal 13 febbraio 2017 adotta strategie di investimento che lo rendono adeguato alla recente normativa sui Piani Individuali di Risparmio (PIR). A questo scopo è stata istituita la Classe E distribuita presso i collocatori convenzionati e la Classe W, disponibile su Zenit Online.

Scheda Obbligazionario – Classe I

Scheda Obbligazionario – Classe R

Categoria Assogestioni:
Obbligazionario Misto

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 2% e il 5%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di Rischio*

*50% BofA Merrill Lynch EMU Direct Governments 1-3 Yrs | 25% BofA Merrill Lynch Euro Currency LIBOR 3-month Constant Maturity, | 20% BofA Merrill Lynch EMU Corporates 1-3 Yrs.

**Fideuram Obbligazionario Misto.

Classe I – Dati aggiornati al 30-06-2018
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Valentino Gori

Responsabile Bond e Valute

Valentino Gori

  • Nel mercato italiano Il mese di gennaio è stato positivo soprattutto per il credito, beneficiando del rialzo globale delle quotazioni innescato dall’atteggiamento accomodante della Federal Reserve. Si segnala tuttavia un rallentamento ulteriore del quadro macro, con un quadro di recessione tecnica a seguito di dati negativi negli ultimi due trimestri e indici acquisti dell’industria in contrazione. Le incertezze relative alla crescita possono mettere in discussione il rispetto dei parametri di Deficit verso PIL per il 2019, e creare tensioni in vista delle elezioni europee di Maggio.
  • Il forte andamento negativo dell’ultima parte del 2018, presenta sull’Italia delle opportunità di acquisto su emittenti di qualità e in grado di rifinanziarsi per cassa. Si mantiene un approccio particolarmente prudente su Banche e Titoli Governativi, valutando il rischio politico non ancora completamente scontato nei prezzi sulla parte breve della curva dei rendimenti (fino a 3 anni).

Leggi tutto

  • Operativamente si resta concentrati sul picking per i primi sei mesi del 2019, cercando di cogliere le opportunità in acquisto aventi rischi al ribasso molto ridotti.
  • Si continueranno a prendere profitti qualora ci fossero ulteriori movimenti di restringimento degli spread su aziende con bilanci e generazioni di cassa ancora incerte per il biennio 2019-2020.
  • La performance nel mese di gennaio è +1,62% (classe I) e +1.56% (classe E).
PIR sottoscrivibile online

Zenit
Pianeta Italia

  • Fondo azionario
  • Rispetta la normativa sui Piani Individuali di Risparmio

LE ECCELLENZE PIU’ PROMETTENTI
DEL NOSTRO PAESE

SCOPRI DI PIU' Bottone azzurro

ZENIT PIANETA ITALIA

Il fondo ZENIT PIANETA ITALIA investe su titoli azionari del mercato italiano con uno specifico focus sulle società a piccola e media capitalizzazione. È caratterizzato da una gestione dinamica volta alla ricerca di società con buoni fondamentali e prospettive di crescita, senza trascurare le dinamiche di rotazione settoriale. Il fondo dal 13 febbraio 2017 adotta strategie di investimento che lo rendono adeguato alla recente normativa sui Piani Individuali di Risparmio (PIR). A questo scopo è stata istituita la Classe E (Esente) distribuita presso i collocatori convenzionati e la Classe W (Web esente), disponibile su Zenit Online.

Scheda Pianeta Italia – Classe I

Scheda Pianeta Italia – Classe R

Categoria Assogestioni:
Azionario Italia

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 15% e il 25%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di Rischio*

*85% FTSE Italy All-Share Total Return | 15% MTS ex-Bank of Italy BOT.

**Fideuram Azionario Italia

Classe I – Dati aggiornati al 30-06-2018
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri
Stefano Fabiani

Responsabile Azionario

Stefano Fabiani

  • Il 2019 è iniziato in modo decisamente migliore rispetto alla chiusura del 2018, con un buon recupero dei mercati azionari, Italia compresa, grazie a multipli di partenza decisamente appetibili e a una generale situazione di sottopeso dei principali investitori. A fine gennaio la performance dei diversi indici del mercato azionario domestico si è collocata intorno al 7%, con un picco superiore all’8% per l’indice STAR e l’indice relativo alle Small Sap.
  • L’andamento del portafoglio è stato positivo nel mese, beneficiando del recupero su diverse posizioni penalizzate nel corso del 2018. In termini di performances i titoli migliori sono stati Sogefi, Saipem, Ovs e Aeffe, apprezzatisi di oltre il 20%, e Exor. Rispetto al benchmark l’impatto migliore è venuto da Exor, Cementir e Saipem; ha inciso negativamente il sottopeso e, in certi casi, l’assenza di titoli legati al settore utilities e ai settori economici soggetti a concessioni (Enel, Atlantia e Snam). In generale, si sono apprezzati meno i titoli quotati su AIM (indice solo +2,58% da inizio anno), per l’incertezza creata dalla nuova normativa sui PIR e dal conseguente blocco della raccolta effettuato dalla quasi totalità dei gestori in tale comparto.

Leggi tutto

  • Tra le principali scelte d’investimento si evidenziano l’inserimento di una nuova posizione in Buzzi Risparmio e la presa di profitto, sulla base dell’ottimo andamento da inizio anno, su alcuni titoli aventi un peso marginale in portafoglio.
  • La performance di Zenit Pianeta Italia nel mese si attesta a +7,26% (Classe I) e +7.2% (classe E), in linea rispetto a quella del benchmark Comit Performance 10/40 (+7,74%), ma superiore alle media di categoria (+6.88%).

Pensaci Oggi

  • Fondo flessibile

L’INNOVAZIONE AL SERVIZIO
DEL TUO FUTURO

SCOPRI DI PIU' Bottone azzurro

ZENIT PENSACI OGGI

Il fondo flessibile ZENIT PENSACI OGGI segue una filosofia d’investimento basata su un approccio sistematico e disciplinato ai mercati globali con un orizzonte temporale di medio-lungo termine. Il portafoglio del fondo viene gestito utilizzando una pluralità di strategie che, sapientemente miscelate, consentono di cogliere le migliori opportunità con un contenimento dei rischi. Fonti di rendimento sono costituite dalla gestione dinamica di un portafoglio di azioni europee, dall’investimento in fondi flessibili e a rendimento assoluto e dall’individuazione di azioni e settori dei principali megatrend di lungo periodo.

Scheda Pensaci Oggi – Classe I

Scheda Pensaci Oggi – Classe R

Categoria Assogestioni:
Flessibile

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 10% e il 15%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di Rischio*

*Benchmark: Non disponibile per i fondi flessibili.

**Indice Fideuram Fondi Flessibili

Classe I – Dati aggiornati al 30-06-2018
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Zaccagnini

Gestore del Fondo

Giulio Zaccagnini

  • Periodo positivo per i mercati azionari con diffusi rialzi che hanno interessato quasi tutte le aree geografiche, ed in particolar modo gli Emergenti. L’Italia è stata la migliore piazza europea.
  • Nel mese di gennaio, convinti delle scelte effettuate lo scorso dicembre, si è deciso di non seguire i listini al ribasso: mantenere la calma ha premiato, consentendo al fondo di beneficiare pienamente dei rialzi.
  • La componente investita in fondi ha generato positivi ritorni sia in quelli flessibili e sia nei Si sono distinte le posizioni sull’Italia e sulla Cina, scelta prevalente nel comparto dei mercati emergenti.

Leggi tutto

  • Sulle singole azioni in portafoglio, il mese è stato ricco di soddisfazioni: in Europa performance superiori agli indici su alcuni titoli legati al comparto automobilistico, sulla finlandese Nokia e sulla casa farmaceutica svizzera Roche. Negli USA, apprezzamento a doppia cifra per Ibm e Philip Morris; bene anche Huntington Ingalls e Pioneer Natural Resources, titolo legato allo “shale oil”. In Asia variazioni positive di China Mobile, Nintendo e Tamron, con le due ultime che hanno decisamente sovraperformato gli indici giapponesi.
  • Sugli ETF tematici, apprezzamenti robusti e diffusi, con il forte recupero della cybersecurity, della robotica e della digitalizzazione; molto positivo anche l’agribusiness e l’invecchiamento della popolazione; in miglioramento anche l’healthcare.
  • Positiva la strategia di arbitraggio su titoli europei, fonte di alfa per il portafoglio.
  • Contributo positivo anche dalla componente di corporate bonds.
  • Il dollaro statunitense non ha prodotto impatti degni di nota.
  • Pensaci Oggi ha messo a segno nel mese un +3.4% per la classe I e +3,32% per la classe R, con un confronto premiante sia sulla media di categoria (+2.51%) sia sull’Indice Fideuram Fondi Flessibili (+2.36%).

Zenit
Megatrend

  • Fondo azionario

I PIÙ GRANDI OBIETTIVI NON HANNO CONFINI

SCOPRI DI PIU' Bottone azzurro

ZENIT MEGATREND

Il fondo ZENIT MEGATREND investe sui mercati azionari internazionali tramite fondi titoli ed ETF.

La strategia di gestione mira a cogliere le dinamiche di crescita dei differenti mercati,  i contestuali movimenti valutari, oltre che le rotazioni settoriali in essere nel contesto economico di riferimento.

L’effetto diversificazione che si ottiene sul portafoglio permette di mantenere sotto controllo il rischio complessivo nonostante l’esposizione diretta alle dinamiche azionarie.

Scheda Megatrend – Classe I

Scheda Megatrend – Classe R

Categoria Assogestioni:
Azionario Internazionale

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 15% e il 25%..

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di Rischio*

*Benchmark:85% MSCI Daily TR Net World in Local Currency | 15% MTS Bot.

**Fideuram Azionario Internazionale.

Classe I – Dati aggiornati al 30-06-2018
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Zaccagnini

Gestore del Fondo

Giulio Zaccagnini

  • Il mese di gennaio ha riportato ottimismo sui principali listini azionari internazionali, con diffusi rialzi in quasi tutte le aree geografiche, ed in particolar modo sugli emergenti. L’Italia è stata il miglior mercato europeo in termini di variazione mensile.
  • La componente di portafoglio investita in fondi direzionali ha beneficiato dei rialzi: molto bene tutte le aree geografiche, dall’Europa agli Stati Uniti, particolarmente in evidenza gli investimenti in Asia all’interno della quale la Cina ha decisamente brillato.

Leggi tutto

  • Sulle singole azioni, si registra un mese ricco di soddisfazioni: a) in Europa performance superiori agli indici da parte di alcuni titoli legati al comparto automobilistico, della finlandese Nokia e della casa farmaceutica svizzera Roche; b) negli USA, apprezzamento a doppia cifra per Ibm e Philip Morris, bene anche Huntington Ingalls e Pioneer Natural Resources, titolo legato allo “shale oil”. Il fronte asiatico non è stato da meno, con performance molto positive di Alibaba, che ha riportato una trimestrale incoraggiante, di China Mobile e della giapponese Nintendo, decisamente in overperformance verso gli indici di riferimento nipponici.
  • Sugli ETF tematici, apprezzamenti decisamente robusti e diffusi, con il forte recupero della cybersecurity, della robotica e della digitalizzazione; molto positivo anche l’agribusiness e l’invecchiamento della popolazione. In forte evidenza, con un marcato recupero, il fondo investito nel settore delle biotecnolgie e del fondo investito nel settore healthcare.
  • Sul fronte valutario il dollaro statunitense non ha avuto impatti particolari.
  • Zenit Megatrend nel mese ha messo a segno un +7.96% per a classe I e +7,86% per la classe R, valori migliori della media di categoria (+7.45%).

Zenit
Breve Termine

  • Fondo obbligazionario

SOLIDO COME UN CONTO,
BRILLANTE COME UN FONDO

SCOPRI DI PIU' Bottone azzurro

ZENIT BREVE TERMINE

Il fondo ZENIT BREVE TERMINE investe sul mercato obbligazionario dell’area Euro.

Il portafoglio è diversificato in titoli governativi e obbligazioni societarie, con una vita residua media inferiore ai due anni e con un elevato rating degli emittenti.

Grazie ad una contenuta variabilità dei rendimenti, il fondo è adatto a chi cerca un investimento prudente con l’obiettivo primario di conservare il proprio capitale.

Scheda Breve Termine – Classe I

Scheda Breve Termine – Classe R

Categoria Assogestioni:
Obbligazionario Euro Governativo Breve Termine

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 0,5% e il 2%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di Rischio*

*60% BofA Merrill Lynch EMU Direct Governments 1-3 Yrs | 30% BofA Merrill Lynch Euro Currency LIBOR 3-month Constant Maturity, | 10% BofA Merrill Lynch EMU Corporates 1-3 Yrs.

**Fideuram Obbligazionario Governativo Breve Termine.
Classe I – Dati aggiornati al 30-06-2018
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.
Valentino Gori

Responsabile Bond e Valute

Valentino Gori

  • Gennaio ha segnato un recupero sui mercati globali grazie soprattutto alla Federal Reserve che ha aperto ad una politica monetaria più espansiva nei prossimi mesi.
  • Nei mercati obbligazionari in Dollari, si è assistito ad una stabilizzazione del livello della curva dei tassi dei risk-free e a un restringimento generalizzato degli spread fra Investment Grade e High Yield, per i minori timori di un rallentamento della crescita negli Stati Uniti. Si mantiene un approccio opportunistico per beneficiare di eventuali indebolimenti nelle quotazioni derivanti da tensioni commerciali fra Stati Uniti e Cina.
  • Nei mercati obbligazionari in Euro, la BCE non sembra intenzionata ad approvare ulteriori misure espansive per l’imminenza delle Elezioni Europee e il rinnovo degli incarichi del suo Consiglio Direttivo. Riguardo al contesto macroeconomico e microeconomico, si segnalano persistenti rallentamenti, che nel caso dell’Italia indicano una recessione tecnica, mentre per la Germania vi sono stati dei profit warnings da parte di alcune aziende a maggiore capitalizzazione nell’indice della borsa tedesca. Questi fattori hanno limitato il rialzo dei corsi sugli high yield e sui Paesi periferici, consigliando un approccio prudente teso a privilegiare la selezione dei titoli governativi e delle società in grado di autofinanziarsi in condizioni di mercato relativamente complesse.

Leggi tutto

  • Il portafoglio del fondo conferma una buona decorrelazione dagli andamenti di mercato, con un approccio particolarmente selettivo sugli emittenti per cogliere specifiche opportunità nei prossimi mesi.
  • La performance nel mese di gennaio è pari a +0,97% per la classe I e +0.94% per la classe R, ben al di sopra della media di categoria (+0.32%) e dell’indice Fideuram Obbligazionario Euro Gov. Breve Termine (+0.46%).

DOVE CI TROVI

Tutti i fondi sono disponibili presso i nostri partners e presso la sede in modalità CLASSICA (classi R ,E) o in modalità FAI DA TE (classi W, Pic6 ,I).

Le classi W (PIR) e Pic6 sono disponibili ON LINE

I NOSTRI PARTNER